La comodità nello spazio e nel tempo

La comodità nello spazio e nel tempo

20/07/2017

La comodità nello spazio e nel tempo


“Nessun altro pezzo di arredamento ha scosso allo stesso modo la mente e il cuore del XX secolo, qui e all’estero”.

L’immortalità ha assunto la forma di una seduta con la progettazione della Lounge Chair and Ottoman progettata da Eames. La sua storia inizia nel 1940, in occasione della mostra “Organic Design in Home Furnishings”. Tra i prototipi presentati al concorso da Eames e Saarinen c’era una poltrona ispirata a un’estetica moderna, ma che offriva lo stesso comfort di quelle tradizionali. Il modello proposto era tutt’altro che perfetto agli occhi di Charles, ma era il primo passo verso una serie di risultati degli anni a venire. Nel 1945/1946, Charles e Ray lavorarono a una poltrona composta da tre gusci in compensato curvato, che non fu mai prodotta. Ne furono ideate diverse versioni, ciascuna delle quali costituì un esperimento importante nel cammino verso la soluzione che gli Eames cercavano. Charles voleva che la sedia avesse “il calore, l’aspetto accogliente del guantone consunto di un difensore della prima base”. Il progetto venne concretizzato nel 1956, la Lounge Chair divenne ed è ancora, uno dei progetti più famosi di Charles e Ray Eames, prodotta da Vitra. Non solo una poltrona, ma un pezzo di cultura americana, un classico nella storia del mobile moderno che incarna alla perfezione l'immagine di fiducioso ottimismo degli Americani. Vera e propria icona di stile, combina in maniera ideale raffinato design, massimo comfort e alta qualità di materiali e lavorazioni. Ispirato alla tradizionale sedia da club inglese, l'aspetto originale della Lounge Chair è definito da imbottiture di pelle nera abbinate a una scocca in legno scuro, su base girevole a stella realizzata in alluminio presso-fuso. Nel rispetto del design più autentico degli Eames.

Clicca sull' immagine per acquistare

 

Lounge Chair

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Articoli recenti



Vaso o scultura?

Pubblicato il 12/10/2017